Team

Fondazione Bruno Kessler – FBK

La Fondazione Bruno Kessler – FBK (Activity Leader) con il suo Centro ICT svolge ricerca di alta qualità con impatto diretto sul mercato e sulla società. Il Centro ICT di FBK partecipa al consorzio con le High Impact Initiatives Health & Wellbeing, Smart Cities and Communities (Unità: Digital Humanities) e Future Media, nonchè con il Project Management Group.



ENRICO PIRAS
Activity Leader and Catalyst Leader – CREEP Living Lab

Enrico Piras ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in “Information Systems and Organizations” all’Università di Trento ed è ricercatore presso la Fondazione Bruno Kessler dal 2008. La sua attività di ricerca si concentra sulla gestione e condivisione delle informazioni mediche, sulle infrastrutture sanitarie, e sull’utilizzo degli strumenti tecnologici per coordinare pazienti e personale sanitario. Enrico è inoltre membro della Research Unit on Communication, Organizational Learning and Aesthetics dell’Università di Trento, e docente a contratto all’Università di Verona, dove insegna “Metodologia della Ricerca Organizzativa” e “Sociologia dei Processi Organizzativi”.




SARA TONELLI
Catalyst Co-Leader – CREEP semantic technology

Sara Tonelli è la responsabile dell’unità Digital Humanities presso la Fondazione Bruno Kessler di Trento. Ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Scienze del Linguaggio all’Università Ca’ Foscari nel 2010, e da allora ha lavorato in FBK, prima come post-doc nel gruppo Human Language Technology Group e poi come coordinatrice delle attività di digital humanities. Ha pubblicato più di 60 articoli nelle migliori riviste scientifiche, presentato a varie conferenze di primo livello e partecipato a numerosi comitati scientifici. Nel 2016, è inoltre stata nominata co-presidente della seconda conferenza italiana sulla Linguistica Computazionale. I suoi interessi di ricerca si concentrano sull’analisi semantica e del discorso con riferimento a diversi tipo di testo, tra cui social media, narrative di viaggio, notizie e discorsi politici.




FRANCESCO MIELE
Researcher – CREEP

Francesco Miele è ricercatore presso l’unità di ricerca e-Health della Fondazione Bruno Kessler di Trento. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Sociologia e ricerca sociale presso l’Università di Trento (2012) e l’abilitazione scientifica nazionale per professore associato nel settore concorsuale 14 D1 (da marzo 2017). È inoltre professore a contratto presso l’Università di Verona e l’Università di Trento. I suoi recenti interessi di ricerca includono l’utilizzo di tecnologie di telemonitoraggio da parte di operatori sanitari e pazienti, le iniziative di promozione della salute sul luogo di lavoro e la gestione di terapie complesse nei pazienti anziani. 

RACHELE SPRUGNOLI
Researcher – CREEP

Rachele Sprugnoli è ricercatrice nell’unità Digital Humanities presso la Fondazione Bruno Kessler (Trento). Ha ottenuto la laurea triennale e magistrale in “Humanities Computing” all’Università di Pisa e sta per conseguire il titolo di dottore di ricerca nella scuola dottorale ICT dell’Università di Trento. Sin dal 2005 ha lavorato a progetti di Human Language Technologies, specializzandosi in corpus creation, annotazione del testo e del discorso, e utilizzo di tecniche di crowdsourcing per lavori di Natural Language Processing. Attualmente sta studiando come metodi e tecnologie computazionali possono essere applicati all’analisi di contenuti culturali, e in particolare di testi storici. 



CLAUDIO ECCHER
Catalyst Leader – CREEP virtual coaching system

Dopo aver ottenuto la laurea in fisica nel 1996, Claudio Eccher ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Information and Communication Technology dall’Università di Trento (Italia), nel 2006. Attualmente è Senior Research Scientist nell’unità di ricerca e-Health della Fondazione Bruno Kessler. Le sue attività di ricerca si concentrano sui sistemi information- e knowledge- based per la condivisione delle informazioni mediche tra medici e pazienti. Ha lavorato sull’analisi per immagini in medicina, linguaggi di modellazione in systems biology, cartelle mediche elettroniche, sistemi di supporto decisionali basati su linee guida, rappresentazione e utilizzo della conoscenza medica nel modellamento di ontologie e workflow nel dominio biomedico. Ha partecipato e coordinato numerosi progetti industriali su EHRs, sistemi collaborativi basati sulla conoscenza e sistemi basati su linee guida.

STEFANO MENINI
Researcher – CREEP semantic technology

Stefano Merini è ricercatore junior nell’unità Digital Humanities presso la Fondazione Bruno Kessler (Trento). Ha ottenuto la laurea magistrale in Filosofia del Linguaggio all’Università di Trento, e sta per conseguire il titolo di dottore di ricerca nella Scuola di Dottorato in Information and Communication Technology dell’Università di Trento. Nel suo lavoro di ricerca, si è occupato di Natural Language Processing e, in modo particolare, di analisi automatizzata di come argomenti e punti di vista nei discorsi politici cambiano nel tempo e tra differenti autori. Stefano ha inoltre una vasta esperienza in modelli di distribuzione semantica e nella compilazione di dataset linguistici attraverso l’utilizzo di tecniche di crowdsourcing.






FRANCESCO CORCOGLIONITI
Researcher – CREEP virtual coaching system

Francesco Corcoglioniti ha ottenuto il PhD in “Information and Communication Technologies” presso l’Università di Trento nel 2016. I suoi interessi di ricerca includono Semantic Web, Data Management e Natural Language Processing, con applicazioni negli ambiti Social Media e Knowledge Extraction dai testi. Dal 2016 è postdoc presso Fondazione Bruno Kessler (FBK), dove all’interno dell’unità Future Media contribuisce ad attività di ricerca e sviluppo inerenti soluzioni per user profiling e automazione account su Social Media, basate sull’uso di Machine Learning e tecniche semantiche.

FILIPPO ONCINI
Researcher – CREEP socio-technical requirements – Living Lab

Filippo Oncini è ricercatore junior presso la Fondazione Bruno Kessler (Trento). Ha ottenuto la laurea magistrale in Psicologia del Marketing e delle Organizzazioni all’Università Cattolica del Sacro Cuore (Milano) e sta per conseguire il dottorato in Sociologia e Ricerca Sociale alla Scuola di Scienze Sociali dell’Università di Trento. Attraverso l’utilizzo di tecniche quantitative e qualitative, la sua ricerca si concentra sulla stratificazione sociale dei comportamenti salutari, in particolare tra i bambini, e sugli effetti dell’acculturazione nelle pratiche e nel benessere dei migranti.


SERENA BRESSAN
Project Manager – CREEP Project Management

Serena Bressan è project manager presso il Project Management Group del Centro ICT della Fondazione Bruno Kessler – FBK e responsabile di progetti europei su tematiche correlate alla sicurezza (CREEP – EIT Digital 2018; Hatemeter – EC REC Programme 2018/2020). Dal 2013 al 2016, è stata assegnista di ricerca in Criminologia alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento, ricercatrice del gruppo di ricerca eCrime e project manager di numerosi progetti europei (EC Prevention of and Fight against Crime – ISEC 2011/2015). Si è laureata con lode in Giurisprudenza a Trento nel 2009 e nel 2013 ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Criminologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.


Expert System

Expert System è una società leader nel mercato di cognitive computing e text analytics. Utilizzando i prodotti tecnologici di Expert System (ad esempio, la tecnologia semantica proprietaria Cogito), le aziende e le pubbliche amministrazioni possono comprendere i propri dati strutturati e non strutturati, scoprire informazioni rilevanti, migliorare la relazione con i propri utenti e potenziare i processi decisionali.


FILIPPO NARDELLI
Catalyst Leader – CREEP go-to-market strategy

Knowledge-Architecture, Machine Learning and Fundraising sono le tre parole chiave che meglio descrivono il suo profilo professionale e i suoi interessi. I punti cardine della sua carriera sono contrassegnati da diverse esperienze e molteplici ruoli di responsabilità, che hanno tutti un filo conduttore: il “goal-centric thinking”, per incoraggiare coloro che sono riluttanti nei confronti delle nuove tecnologie ad abbracciare l’innovazione. In qualità di Knowledge Architect, ha supportato aziende e pubbliche amministrazioni ad adottare strumenti tecnologici che hanno rivoluzionato e rivoluzioneranno il modo in cui operano. La sua esperienza proviene dal mondo della ricerca e, in particolare, dal settore dell’intelligenza artificiale. In breve, il suo ruolo a Expert System è convertire i bisogni dei clienti nei requisiti che avranno i nuovi prodotti tecnologici, creando in questo modo nuove opportunità di business e finanziamento. In questo ambito, ha contribuito a creare numerose partnership con altre aziende e istituti di ricerca, gestendo diversi progetti del valore di svariati milioni di euro.


INRIA

Inria è l’istituto nazionale francese per l’informatica e la matematica applicata. Inria ha 8 centri di ricerca (a Bordeaux, Grenoble-Inovallée, Lille, Nancy, Parigi-Rocquencourt, Rennes, Saclay e Sophia Antipolis) e contribuisce anche a gruppi di ricerca accademici al di fuori di tali centri. Wimmics (http://wimmics.inria.fr/) è un gruppo di ricerca congiunto tra Inria Sophia Antipolis – Mèditerranèe e I3S (CNRS e Universitè Nice Sophia Antipolis).

 



ELENA CABRIO
Catalyst Leader – CREEP semantic technology

Elena Cabrio è professore associato presso l’Università di Nizza Sophia Antipolis (Francia) e membro del Wimmics Research Team di INRIA. La sua ricerca si concentra sul Natural Language Processing e, in particolare, su argument mining ed information extraction. Nell’aprile 2011, ha ottenuto un Dottorato di Ricerca dalla Information and Communication Technologies International Doctoral School dell’Università degli Studi di Trento (Italia), con una tesi su “Textual Entailment approach to semantic inferences”. Ha condotto la sua ricerca di dottorato presso l’unità Human Language Technology della Fondazione Bruno Kessler (FBK) di Trento. Nel corso del suo dottorato, ha effettuato un internship di 6 mesi presso il Parsing and Semantics Group allo Xerox Research Center Europe di Grenoble (Francia). Nel 2011, si è unita a INRIA Sophia Antipolis per un post-doc nell’ambito del team Wimmics.


SERENA VILLATA
Researcher – CREEP semantic technology

Serena Villata è ricercatrice al CNRS – Centre national de la recherche scientifique (Francia) e membro del Wimmics Research Team di INRIA. La sua ricerca si concentra sulla teoria dell’argomentazione, spaziando dai modelli formali di argomentazione fino ai modelli language-based e emotion-based. È autrice di oltre 60 pubblicazioni scientifiche, comprensive di 11 articoli su rivista e 4 contributi in volumi. È stata invitata in qualità di co-autrice a redigere il capitolo sulla Processing Argumentation in Natural Language Texts nell’Handbook of Formal Argumentation. Ha partecipato all’organizzazione del seminario “Frontiers and Connections between Argumentation Theory and Natural Language Processing” tenutosi nel luglio 2015 a Bertinoro (Italia), uno dei primi tentativi di riunire ricercatori che si occupano di diversi settori disciplinari, che vanno dalla linguistica computazionale alla teoria dell’argomentazione.


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO – FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA – eCrime

eCrime è un gruppo di ricerca leader nel campo delle crime and security sciences della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento. eCrime conduce ricerca applicata nel settore della criminalità e della sicurezza nella società dell’informazione, con un accento marcatamente multidisciplinare (criminologia, diritto, statistica, matematica, informatica). Sin dalla sua fondazione nel 2011, eCrime ha ottenuto 15 progetti europei, principalmente su temi quali criminalità organizzata, contraffazione, tratta di esseri umani e traffico di migranti, frodi, ICT e sicurezza urbana e strumenti tecnologici per la prevenzione e la lotta contro il crimine.

 



ANDREA DI NICOLA
Catalyst Leader – CREEP socio-technical requirements

Dottore di ricerca e professore aggregato in Criminologia presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento, dove è docente di Criminologia e Criminologia applicata. Da oltre 20 anni, si occupa di criminalità economica, criminalità organizzata, sicurezza urbana, criminologia ambientale e delle correlazioni tra crimine e internet. A partire dal 1998, ha partecipato/diretto più di 50 studi internazionali e nazionali (per la Commissione Europea, il Parlamento Europeo, il Ministero dell’Interno, il Ministero per le Pari Opportunità, il Ministero della Giustizia). Ha sviluppato competenze nella realizzazione e gestione di progetti di ricerca complessi, impiegando tecniche di ricerca criminologica in ambito sia quantitativo sia qualitativo. È autore di numerosi articoli, contributi e volumi.

GIUSEPPE ESPA
Catalyst Co-Leader – CREEP socio-technical requirements

Professore ordinario di Statistica Economica presso la Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Trento. È esperto di econometria spaziale e di tecniche di indagine applicate anche al web e nel settore della criminalità e della sicurezza. Ha collaborato con l’Istat, il C.N.R., il Collegio d’Europa, il Ministero dell’Interno e il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. Ha partecipato/diretto oltre 30 studi internazionali e nazionali (per la Commissione Europea, il Ministro dell’Interno, l’Istituto per le Tecnologie applicate ai Beni Culturali). È referente di riviste nazionali e internazionali in ambito economico e statistico. È autore di numerosi articoli, contributi e volumi su indagini campionarie, sia dal punto di vista metodologico che applicativo, e sull’econometria spaziale.



FIAMMA TERENGHI
Researcher – CREEP socio-technical requirements

Dottore di ricerca e assegnista di ricerca in criminologia presso la Facoltà di Giurisprudenza – Università degli Studi di Trento. Dal 2003, ha gestito e collaborato a progetti di ricerca locali, nazionali e internazionali in ambito di sicurezza urbana, devianza giovanile e valutazione di policy, sviluppando competenze di ricerca quantitative e qualitative. La sua tesi di dottorato è incentrata sulla costruzione sociale di bulli e vittime. È stata consulente per la ricerca presso l’Ufficio di Sicurezza Urbana del Comune di Cremona (2006-2008) e il Servizio Politiche per la Sicurezza e la Polizia Locale (Città Sicure) della Regione Emilia-Romagna (2010-2012).

GABRIELE BARATTO
Researcher – CREEP socio-technical requirements

Ricercatore presso il gruppo di ricerca eCrime della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento, dove insegna nel corso libero “eCriminology: ICT, law and criminology”. Dal 2013, ha partecipato a diversi progetti europei, nazionali e locali nei settori della criminalità, devianza e sicurezza, nonch&eacuto; sui loro legami con le nuove tecnologie. È anche dottorando presso la Scuola di Studi Internazionali dell’Università di Trento.


NEURONATION

NeuroNation sviluppa esercizi di mental training disponibili tramite web e app. Con oltre 12 milioni di utenti, è il più grande mental training provider in Europa. I prodotti di NeuroNation sono sviluppati in collaborazione con università e istituti di ricerca e la loro efficacia è convalidata da studi scientifici attraverso test in laboratorio e in ambienti domestici.

 



JAKOB FUTORJANSKI
Catalyst Co-Leader – CREEP go-to-market strategy


Amministratore delegato di Neuronation. Jakob Futorjanski ha iniziato la sua carriera presso la PricewaterhouseCoopers Advisory, dopo la sua laurea in Computer Science e Finanza. Si è unito alla Rocket Internet per poi proseguire a Groupon, prima di approdare a NeuroNation nel 2012.

TIINA SALMINEN
Researcher – CREEP go-to-market strategy and CREEP virtual coaching system

Direttore della sezione ricerca scientifica presso NeuroNation. Dottore di ricerca. Prima di approdare a NeuroNation, Tiina Salminen ha lavorato come ricercatrice presso la Ludwig Maximilians University di Monaco di Baviera e la Humboldt University di Berlino. I suoi interessi di ricerca riguardano gli effetti del cognitive training e i sottostanti meccanismi comportamentali e neurali.


Copyrights © 2018 All Rights Reserved by CREEP. Webmaster: Serafina Agnello.